20 settembre 2011

Salam Patata

Altra scheda oggi:






http://www.parks.it/parco.po.to/dettaglio_prodotto.php?id_prodotti=1944

È un prodotto tipico delle valli del Canavese, viene prodotto esclusivamente della stagione autunnale e invernale (da settembre adaprile) visto la sua conservazione molto delicata 2 o 3 giorni in frigo se si vuole mangiarlo fresco, se invece si preferisce asciutto si mantiene per 15 giorni.


In origine consentiva di utilizzare la pancetta, guanciale e rifili di carne suina magra, infatti venivamo macinate mescolando all'impasto uguali quantità di patate bollite.


Era molto apprezzato dalle famiglie rurali in quanto permetteva di utilizzare parti del maiale che altrimenti venivano sprecate.


Secondo la tradizione la pasta di questo salame viene aromatizzato con sale, pepe, aglio, noce moscata, cannella, chiodi di garofano polverizzati, e insaccato nel budello naturale e come detto lasciato riposare per poco tempo.

Si fanno bollire le patate e si pelano a caldo, poi si mettono neltritacarne insieme ai ritagli di carne e agli aromi.


In passato la proporzione delle patate era predominante,attualmente si utilizzano proporzioni uguali di circa 1/3 di patate,1/3 di carne suina, 1/3 di grasso suino; in alcune zone si utilizzafino al 50% di patate. 


Appena la mia macelleria di fiducia lo riproduce vi preparerò qualche ricetta...



5 commenti:

  1. Vedi, io sono curioso e queste cose qui mi piacerebbe assaggiarle...ne terrò bene a mente il nome...sai capiterà prima o poi...ciao.

    RispondiElimina
  2. nel cuneese non si trovano vero?perchè non li ho mai visti comunque mi piacerebbe assaggiarli

    RispondiElimina
  3. E' tipico del Canavese, io li adoro..sia spalmati che con la pasta...

    RispondiElimina
  4. buonissimo!! :Q lo vendono in via Bertola...

    RispondiElimina
  5. Buoni! Ne ho comprati al castello di Masino, sono buoni nel risotto,nella frittata.....col pane...

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, ti risponderò appena possibile!