20 settembre 2011

Pan douss' d' Malgrà

Come sapete anch'io faccio parte di Gente del Fud, è un mondo stupendo, stiamo preparando un database con tutti i prodotti tipici d' Italia e in futuro forse anche del Mondo...Mai dire mai!!

Ho già schedato parecchi prodotti e ho deciso di postarne anche qua qualcuno, inizio con il dolce del mio Paese Rivarolo Canavese.




 Storia

C'era un tempo in cui casate rivali si contendevano il dominio di Rivarolo e il Castelli di Malgrà era il baluardo della famiglia dei San Martino.
In quel tempo i dolci erano un privilegio da ricchi, alle famiglie del borgo veniva consentito di cuocere il pane nei forni solo ogni dieci giorni. Il lievito era una cosa sacra e viva, che si trasmetteva di famiglia in famiglia.
La diceria vuole che il Signore di San Martino che abitava il Castello Malgrà intorno agli inizi del '500 fosse particolarmente ghiotto di un dolce di antiche origini, che richiedeva 48 ore di lavorazione e 24 di lievitazione naturale, Il Pan douss 'd Malgrà, che ra il dessert dei banchetti che il feudatario offriva alla sua corte.


Nel periodo autunnale, poi, il Signore ordinava ai suoi cuochi di inserire nell'impasto del dolce anche le castagne che aveva fatto raccogliere nei boschi del circondario, creando così il Pane Ricco.
Nel 1532, stretto d'assedio dal duca di Savoia, il castellano riuscì a sfuggire, nottetempo, attraverso un cunicolo segreto, alle ire dei nemici, che il giorno seguente passarono a fil di spada gli abitanti del castello, tranne il Signore.
Questi, fuggendo, mise nella bisaccia del suo travestimento da mendicante, anche slcuni pezzi del suo inseparabile Pan Douss.  

Ingredienti

Questo dolce è povero di ingredienti infatti l'impasto è fatto da: farina 00, zucchero, tuorli d'uova fresche, acqua, burro, lievito naturale, latte e sale.
Ci sono altre due varianti, quella Ricca con i marroni, estratto di vaniglia  e quella Rustica con farina integrale.


Se fate un salto da noi lo potete comperare nella pasticceria Caon che si trova in Viale Berone.

4 commenti:

  1. non conoscevo questo dolce...deve essere sofficissimo!!! ;)

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questa preparazione particolare....che bello riscoprire le tradizioni. ma cos'è di preciso "Gente del Fud" vedo qui e là questo banner....ma non mi sono informata a dovere...

    RispondiElimina
  3. Artù è un progetto con marchio Garofalo, stiamo schedando i prodotti tipici d'Italia e il 26 settembre il sito di gente del fud sarà on line...quando vedrai capirai meglio sicuramente!!

    RispondiElimina
  4. dove trovo le dosiii?

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, ti risponderò appena possibile!