24 aprile 2012

Torta salati di ortiche



Le ortiche, le odiavo da piccola... le amo da grande.
Quante volte sono tornata a casa lamentandomi di aver toccato qualche ortica, mamma che pruriti insopportabili.
Vicino a casa mia ce ne sono tantissime.
Sinceramente devo ringrazizre mio papà, che procupandosi 3 paia di guanti usa e getta e con tanta pazienza è andato a raccogliermele.
Mi raccomando non tutta l'ortica! Ma solo le puntine tenere!

Perchè è importante l'ortica? L'ortica è un alimento ricco di Vitamina C e ferro.

Ricca di vitamina C, azoto e ferro, può essere usata come alimento: i germogli nei risotti, nei minestroni, nelle frittate o nelle frittelle.
Viene anche impiegata per arrestare la caduta dei capelli.
Utilizzata come pianta medicinale dagli antichi Greci con proprietà antidiarroiche, diuretiche, cardiotoniche e antianemiche, nel Medioevo si impiegava fresca per curare, con il veleno dei suoi peli urticanti, gotta e reumatismi. Veniva inoltre battuta e sfibrata per tessere stoffe (ramia) simili alla canapa o al lino.
L’ortica, grazie alla clorofilla contenuta in grandi quantità, può servire da colorante per i tessuti delicati: le foglie tingono di verde, mentre le radici di giallo.




Per la brisèe all'olio

250 di farina 00

1 albume

50 g di olio evo

100 ml di vino bianco freddo

1 cucchiaino lievito in polvere per salati

sale q.b.

Per preparare la pasta brisè ho utilizzato la planetaria, ho semplicemente unito tutti gli ingredienti nella ciotola e lavorato alla minima potenza fino a quando non ho ottenuto una pasta morbida ed omogenea.
Lasciatela riposare mezzora in frigo prima di utilizzarla.



Per la farcia

300 g di ricotta fresca
ortiche q.b.
1 etto di speck
1 uovo intero
1 tuorlo
sale e pepe q.b.


Sempre con i guanti,  lavate bene  le ortiche e cuocetele per 4 minuti in acqua calda non salata.
In un contenitore capiente lavorate la ricotta con le uova, il sale, il pepe e lo speck tagliato a listarelle.
Successivamente uniteli le ortiche e amalgamate bene.
Nella vostra spiantoria infarinata stendete la pasta brisè.
Rivestite la tortiera, io adoro quelle con l'apertura laterale, con la carta forno e stendete la brisè, bucherellatela.
Adesso accendete il forno  a180°, farcite la torta e solo quando sarà in temperatura cuocetela per 30 minuti.





In cucina ho utilizzato:


16 commenti:

  1. io sono anni che non mangio le ortiche. mi ricordo che andavo a raccoglierle insieme ai miei nonni quando andavamo a passeggio sui sentieri vicino al lago di Garda. qui a Milano è un po' più dura riuscire a trovarle :)

    RispondiElimina
  2. Ahhaha anche io da piccola le odiavo, tornavo a casa sempre con mani e gambe piene di bollicine... ma pur di giocare questo ed altro :-) Non l'ho mai provata in una torta salata, ora sì che mi hai stuzzicata :-) Baci, ciaooo

    RispondiElimina
  3. Le ortiche me le ricordo per i grandi pruriti che mi procuravano quando, da piccola, giocavo in cortile ... non ho mai provato a mangiarle, non c'è mai stata l'occasione ... mannaggia!!

    RispondiElimina
  4. Quest'anno con le ortiche ho già preparato gnocchi e risotto, la torta salata mi manca. La tua è bellissima, appena smette di diluviare corro a fare una nuova raccolta!

    RispondiElimina
  5. Buona, la cosa più scomoda è cosglierle :S

    RispondiElimina
  6. deve essere gustoso questo piatto così antico nel sapore, menomale che crescendo recuperiamo gusti che da piccoli non ci piacevano! le foto sono una delizia.

    RispondiElimina
  7. Uguale a te: odiate da bambina e amate da grande soprattutto nel ripieno dei ravioli... ma anche questa torta salata deve essere deliziosa!!!

    RispondiElimina
  8. Anche io, la odiavo terribilmente e cgissa' come mai riuscivo sempre a trovare qualche bel cespuglio dove infilare gambe e braccia.... Tanto che ancora adesso ho un po' di panico quando la incontro per strada ;))
    Questa torta salata pero' potrebbe farmi passare ogni ansia!!

    RispondiElimina
  9. io avevo l' incubo delle ortiche... solo per loro cercavo di non cadere dalla bici..
    questa torta però fa tutt' altro che paura! dev' essere una bontà, fortunato chi l' ha potuta assaggiare!!!

    RispondiElimina
  10. da mia mamma ce n'è moltissima..ma io come te l'ho sempre odiata..ma l'idea che possa essere utile mi stuzzica..

    RispondiElimina
  11. buonissime le ortiche, le ho raccolte un paio di settimane fa e oltre al classico risotto ho preparato altre ricettine buonissime che posterò la prossima settimana! devo andare a raccoglierne delle altre!!!

    RispondiElimina
  12. che bella questa torta salata! purtroppo sono terribilmente allergica alle ortiche... ma la tua pasta brisèe con olio e vino bianco è fantastica!! la proverò senz'altro! a presto!
    laura

    RispondiElimina
  13. Ma bello il nuovo vestito del blog, mi piace molto!!!!! E buona questa torta salata con le ortiche, mi piacciono molto in cucina ma in una torta salata non l'avevo mai messe :-) Baci

    RispondiElimina
  14. Non c'è niente che io ami di più che fare una passeggiata e tornare con delle erbe raccolte da cucinare, e le punte di ortica fanno parte di queste!

    RispondiElimina
  15. Ma che meravigliaaaaaaa!!!!!!!!

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, ti risponderò appena possibile!