12 aprile 2012

Frittata di Humulus lupulus, o come lo chiamiamo noi Luvertin


E' ora di mettere in chiaro le cose, noi quassù non mangiamo asparagi selvatici nella frittata...ok? Ma utilizziamo getti germinativi del luppolo.
Ci tengo sottolineare questa cosa, perchè ieri, ho finalmente capito la differenza, tutto questo grazie a una naturalista in cucina .
Nel suo bel post ci spiega le varie differenze che ci sono, ma soprattutto quelle tra le erbe che possiamo tranquillamente raccogliere,  epoi utilizzare per cucinare, e quelle che è meglio non mangiare.
Ci suggerisce (e li che i miei due anni a Scienze Naturali mi sono serviti) di osservare attentamente le foglie e il fusto.
Infatti le prime devono essere ovate  o vagamente cuoriformi, per i dettaglie e la foto andate nel suo blog, e i fusti devono essere striati, ben sei striature devono percorrerli per la lunghezza.


Dopo questa bella lezione, torniamo a noi.
Quest'anno abbiamo passato una Pasquetta tranquilla, noi quattro, anzi cinque con Jack a casa trnaquilli.
Vista la bella giornata, abbiamo però deciso di farci una passeggiata tra i campi vicino a casa.



Naturalmente ne ho approfittato per raccogliere i luvertin e farne una bella frittata.




Un bel mazzo di luvertin
4 uova
mezzo bicchiere di latte
1/2 scalogno
una noce di burro


Lavate bene i germogli e fate sciogliere in una padella il burro, io ho utilizzato la crepiera della Pensofal, è perfetta per le frittate perchè puoi anche non ungerla che, puoi stare certa, non si attaccano.
Fate colorare lo scalogno, che precedentemente avevate tagliato a pezzettini.
Nel frattempo, sbattete le uova con un po' di sale, pepe e il latte.
Quando lo scalogno è cotto unite i luvertin, e cuoceteli per 5/6 minuti aggiungendo un goccio di acqua.
Quando saranno cotti, versategli sopra le uova e cuocete.
Naturalmente servite calda.

Consigli per una buona frittata:

sbatti sempre bene le uova e aggiungi un pó di latte coem ti ho consigliato nella ricetta
fai scaldare bene la pentola ma, ricorda che la cottura deve essere fatta a fuoco basso, così non bruci nulla.
girarla, solo quando si stacca da sola e aiutandoti con un piatto.

22 commenti:

  1. tu non immagini cosa hai rievocato stamattina.. uno cei ricordi più belli che ho di Torino\Val d' Aosta dove sono stata 4 anni e di ricordi proprio bellissimissimi non è che ne abbia in avanzo...
    eppure lì mangiavo la frittatina col luppolo ci facevo addirittura il risotto.
    che bontà.. mi tornava il sorriso ogni volta che a cena c' erano questa cosine qua.
    questo tuo post mi ha fatto un po' commuovere, ma grazie :O)

    RispondiElimina
  2. Uhm che buona questa frittata, io per adesso vado di asparagi ehehhe ma questa mi ispira un saccco :-)

    RispondiElimina
  3. che bello poter avere la possibilità di cogliere erbette così tenere e buone...qua i campi son quasi tutti spariti...e poi mi dovrei fidare a raccogliere qualcosa??
    Sono tutti sul ciglio di strade battutissime...!
    meglio guardare la tua buonissima frittatona...

    RispondiElimina
  4. Adoro i luvertin! Pochi giorni fa ho fatto un risotto con queste meravigliose erbe di campo :)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Quando li trova me li prepara anche mia suocera amante del "raccogliere le erbette" e ancora più soddisfatta quando riesce a farle mangiare a tutta la famiglia!

    RispondiElimina
  6. Purtroppo non li saprei riconoscere, ma mi piacciono moltissimo!
    Ti ringrazio per la segnalazione, vado a curiosare e chissà che possa anche imparare qualcosa! La frittatina però l'ho assaggiata, ed è deliziosa!
    Complimenti per il tuo blog, ti auguro ancora tante altre belle soddisfazioni!
    Un abbraccio Any

    RispondiElimina
  7. Grazie ;-)
    comunque... buona la frittata, anche se io sono più per il risotto.

    RispondiElimina
  8. Non l'ho mai mangiato! Complimenti per la frittata, deve esser stata davvero buona ☺

    RispondiElimina
  9. che bontà, l'ho mangiata domenica!

    RispondiElimina
  10. E pensare che ho sempre pensato di manngiare degli asparagi selvatici!!! Si impara sempre qualcosa!
    Un saluto

    RispondiElimina
  11. Da noi si chiama luppolo e io lo adoro!! :)

    RispondiElimina
  12. sono veramente ignorante in materia, brava te che ci dai pure consigli su come raccogliere le erbe io se qui vado al valentino immagino cosa trovo! adoro le frittate e ne mangerei in tutte le salse, queste erbette le proverei non le conosco proprio!!

    RispondiElimina
  13. Oh finalmente so cosa sono nel senso che ho visto dove possono crescere, e vado a cercare!!!!!! Nella frittata penso sia la morte sua!!! Baciii

    RispondiElimina
  14. grazie! mi si è aperto un mondo!!!

    RispondiElimina
  15. effettivamente avere questi campi belli ci puoi raccogliere delle belle cose per cucinare :) bravissima!

    RispondiElimina
  16. Sembrerebbe una semplice frittata.....ma è speciale.....bacini

    RispondiElimina
  17. noi a Padova li chiamiamo bruscandoli...buonissssssssssssima la frittata!!

    RispondiElimina
  18. che splendore laura e sopratutto i miei complimenti per il nuovo sito

    RispondiElimina
  19. se aggiungi un goccio di aceto di vino, prima di servirla, è ancora più buona Felice Z.

    RispondiElimina
  20. COme detto ho omprate le erbette o Luvertin come li chiamate "voi" :) adesso sbircio il blog della nutrizionista x fare una ricettina! Grazie :)

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, ti risponderò appena possibile!