4 ottobre 2011

Paglierina farcita

Sono latitante in questo periodo, ogni giorno ho una lista di cose da fare, le solite..come tutte e quelle che hanno levato il tempo al blog, come studiare e camminare.

Studiare:  è ora che mi do una mossa, sono giunta agli ultimi esami ed è meglio non battere la fiacca, se solo iniziasse a fare un po' più fresco, uno sarebbe più invogliato..e invece questo sole che ci costringe a stare all'aperto nei prati...managgia!!

Camminare: sono diventata brava, anzi bravissima!! quasi tutti i giorni vado a fare una bella camminata veloce di 40 minuti..ci va..altrimenti cucina qua, cucina la...e ti trovi a fare da boa ad un sub al mare...

Comunque, torniamo a noi, siete andati a vedere il sito di Gente del Fud??Cosa ne pensate?? Ma soprattutto avete letto la scheda della paglierina??
Vi chiedo questo perchè anche oggi sarà la protagonista della nostra ricetta.
Eccovi le caratteristiche di questo formaggio...tutto da gustare...

CARATTERISTICHE
Formaggio molle, grasso, a pasta cruda, ad acidità naturale ed a maturazione rapida. Il suo nome deriva probabilmente dalla consuetudine in passato di conservare questo formaggio era reso fra la paglia e ne lasciava anche l'impronta sulla crosta. Forma cilindrica (diametro di 10 - 18 cm), scalzo (1 - 2 cm) e peso tra 150 - 400 g. Nei formaggi freschi, infatti, la pasta è burrosa, morbida senza occhiature, di colore bianco o anche paglierino, di odore piacevole di latte appena munto e di sapore fine e delicato.Nei formaggi maturi, invece, la pasta è più compatta, fondente in bocca, di colore giallo, di odore leggermente di pecorino e di sapore piuttosto aromatico e piccante. La crosta durante la stagionatura assume, un colore giallo nocciola più o meno marcato, con venature o macchie bianche dovute allo sviluppo di muffe.







Ingredienti per 4 persone

paglierine 2
gherigli di noci 8
uva passa  2 cucchiai



Antipasto d'effetto, veloce e molto gustoso.  Tagliate a metà le paglierine  e farcitele con l'uvetta e le noci, scaldate una pentola antiaderente e quando sarà calda adagiatela e fatela cuocere per pochi secondi, il tempo che serve per farla sciogliere superficialmente. Servite calda..
Se volete potete anche cuocerle in forno caldo a 180° per 5 minuti avvolte nella stagnola.



6 commenti:

  1. Goloseeeeee!!! Che bella questa ricettina...brava!

    Silvia

    RispondiElimina
  2. Accidenti! Certo che sei diventata brava. Ora prometto che, quando arriva il fresco, qui ci sono 29 gradi, inizio anch'io ad andare a camminare! La tua ricetta è una delizia. Brava e studia! In bocca al lupo cara

    RispondiElimina
  3. Bellissima questa ricetta. Sembra che il tempo stia cambiando, coraggio a studiare, in bocca al lupo :)

    RispondiElimina
  4. Ciao! A chi lo dici, con le temparture di queste giorni è stato impossibile stare a casa, sono loro che tiravano per il braccio!!! Ma ho sentito che da stasera si abbassa un pò,e tira fuori tanta carica che ormai ti manca veramente poco!! Ottima ricetta, brava!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, ti risponderò appena possibile!