1 marzo 2012

Moscato&Salato: una scommessa con il Moscato Passito "La Bella Estate"

In cucina ci si diverte...e questo accade ancora di più quando si ha la possibilità di abbinare un vino ad un piatto.
Perchè non sempre è così immediato trovare i giusti sapori e far si che si sposino perfettamente in bocca.

Con l'occasione della vicinissima pubblicazione del libro di Francesca Martinengo "Fornelli in rete" (Malvarosa Edizioni) è stato realizzato un contest molto particolare "Moscato&Salato", infatti lo scopo è quello di di abbinare il Moscato Passito La Bella Estate ad un piatto salato, un abbinamento rivoluzionario, fuori dai canoni.
e va bene la tradizione e i gusti classici ma bisogna sperimentare, vero?E allora Io mi sono buttata, cauta come sempre, senza cercare ingredienti e combinazioni troppo azzardate.

Il profumo ampio, intenso, aromatico e il sentore muschiato mi hanno trasportato in un prato verde in mezzo al bosco; il gusto dolce mi ha ricordato la frutta.
E così da queste mie esperienze sensoriali ho deciso di preparare questo piatto, cercando di abbinare le carni prelibate e dolci dell'anatra a questo vino deciso.


Non è stato così immediato,ho provato mille abbinamenti sia mentali che materiali... nel sito Terre da Vino consigliano di abbinarlo con dei formaggi erboninati, io ho provato altro.
 E così che ho pensato a dei piccoli gnocchi di patate e mirtilli al sugo d'anatra, secondo me i vari gusti si sposano molto bene con La Bella Estate.




 per gli gnocchi:

1 kilo di patate buccia rossa
300g di farina
un pizzico generoso di sale
400 g di mirtilli

Per il sugo:

un petto di anatra
1 carota
1 cipolla bionda 
1 cucchiao di concentrata di pomodoro
brodo vegetale
Burro
1/2 bicchiere vino bianco


Per gli gnocchi: fate cuocete le patate, quando saranno cotte sbucciatele e schiacciatele. Mi raccomando queste operazioni devono essere fatte con la verdura calda.
Una volta pronte aggiungeteci la farina, il sale e i mirtilli frullati, lavorate il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo.
Tagliatelo a fette e tagliatelo a fette e lavorate ogni fetta con le mani fino a quando otterrete una rotolo lungo e abbastanza fine. Poi tagliate ogni rotolo a pezzettini a forma di gnocchi piccolini.
Lasciateli riposare.
 Adesso prepariamo il ragù d'anatra. Tagliamo a piccoli pezzetti il petto, la carota e la cipolla.
Facciamo sciogliere una piccola noce di burro nella quale faremo colorare la cipolla e cuocere la carota, quando saranno pronte uniamoci il petto d'anatra, saliamo e pepiamo.
Sfumiamo con del vino bianco, aggiungiamoci la concentrata e lasciamolo cuocere per 1 ore e mezza annaffiandolo di brodo.
Quando sarà cotto, cuociamo i nostri gnocchi, condiamoli e serviamo caldi.



15 commenti:

  1. ma sai che è proprio una bella idea?
    mi piace!
    :)
    Cla

    RispondiElimina
  2. Ciao! che bella idea fare gli gnocchi ai mirtilli! non riesco a registrarmi, mi aiuti?

    RispondiElimina
  3. Stupenda idea! ma dove hai trovato quei magnifici mirtilli giganti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non erano grandi, forse le mani di VIola piccine li fanno sembrare grandi!

      Elimina
  4. complimenti ricetta favolosa la devo fare da oggi ti seguo se ti va passa da me ciao

    RispondiElimina
  5. io sono ancora in alto mare :-)
    ti faccio i complimenti, la ricetta mi piace molto e le foto sono strepitose!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Adoro questa ricetta, adoro quelle manine e adoro te che ti arrampichi sulla legna per scattare le foto! :) Sei unica!

    Un bacio, tesoro!

    Buona Giornata!

    Francesca

    RispondiElimina
  7. Super pentolini mirtillina!! Noto con piacere che anche a te sono venuti in mente i mirtilli :)) abbiamo un sottile filo che ciao unisce!!! Brava bellissime foto e bella ricetta!

    RispondiElimina
  8. un altro fantastico post. foto meravigliose :-)))
    Vaty

    RispondiElimina
  9. me ne porti una manciata sabato?? voglio assaggiarli questi gnocchi ai mirtilli!!

    RispondiElimina
  10. Gnocchi ha mirtilli che forte!!

    RispondiElimina
  11. Strepitosa scenografia adoro tagliare la legna, accatastarla e respirarne il profumo, se poi mi porti un primo così ricco non potrei voler di più dalla vita!
    UN abbraccione anzi Tre ;)))

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, ti risponderò appena possibile!