14 ottobre 2012

Pane alle castagne, pinoli e rosmarino





Lentamente muore 
chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,chi non cambia la marcia,chi non rischia e cambia colore dei vestiti,chi non parla a chi non conosce.Muore lentamente chi evita una passione,chi preferisce il nero su biancoe i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,proprio quelle che fanno brillare gli occhi,quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,quelle che fanno battere il cuoredavanti all'errore e ai sentimenti.Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,chi e' infelice sul lavoro,chi non rischia la certezza per l'incertezza per inseguire un sogno,chi non si permettealmeno una volta nella vitadi fuggire ai consigli sensati.Lentamente muore chi non viaggia,chi non legge,chi non ascolta musica,chi non trova grazia in se stesso.Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna odella pioggia incessante.Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicita'.












21 cucchiai di farina Manitoba
6 cucchiai di farina di castagne
100 g di lievito madre secco
500 ml di acqua tiepida
un cucchiaio raso di sale
250 g di pinoli
150g di casta bollite
rosmarino




Dopo un'attimo di follia, ho ucciso il mio lievito madre.
Solo ieri che ho panificato dopo tanti mesi, mi sono resa conto del disastro che ho combinato; quindi per questa volta ho utilizzato del lievito naturale secco, sperando che qualcuno mi regali un pezzettino del suo oro per ricominciare a divertirmi con i lievitati.

Ho utilizzato la planetaria per preparare questa preparazione.
Prima di tutto ho miscelato le due farine e il lievito,successivamente, ho aggiunto l'acqua e prima che l'impasto l'assorbisse tutta, ho aggiunto il sale.
Per ultimi ho aggiunto i pinoli, le castagne e il rosmarino che precedentemente avevo tritato con il mio Turbo Chef di Tupperware.
I tempi di lievitazione,dipendono molto dalla temperatura che avete in casa, da me c'erano circa  20°;  la pasta per raddoppiare il suo volume ci ha impiegato 3 ore circa.
Infine l'ho cucinato in forno caldo a 200° per 45 minuti.





13 commenti:

  1. Castagne e pinoli sono gli ingredienti che senza dubbio fanno l'autunno. Mi piacciono tantissimo insieme nel castagnaccio,immagino che questo pane sia buonissimo :) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mi sono proprio ispirata al castagnaccio, il dolce preferito di mio marito.

      Elimina
  2. Semplicemente bentornata... con i tuoi tempi, quando ti andrà, e quando vorrai...
    questo pane, è semplicemente stupendo, e meno male, che era un bel po' che non panificavi :)
    un abbraccio

    Aurelia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Aurelia. Le passioni non si possono nè nascondere nè uccidere!

      Elimina
  3. Mi sembra di sentirne il buon profumino!Bravissima!un abbraccio, Marilena!

    RispondiElimina
  4. Mi sono imbattuta nel tuo blog quasi per caso e ho dato una sbirciatina alle tue ricette....ti faccio i miei complimenti! Anche il blog è ben strutturato...MI sono aggiunta ai tuoi lettori così passerò spesso a trovarti e a commentare.
    Se ti va, passa anche tu nel mio blog di cucina.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie eve! piacere di conoscerti! passo a trovarti...

      Elimina
  5. questo pane ha un aspetto magnifico!
    ne immagino il sapore... :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giò! ma si vede la castagna?? io mi sono impegnata tantissimo..ma forse devo fare un corso di disegno... :_)

      Elimina
  6. Ciao cara, qiesto pane deve essere proprio buono, molto autunnale!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. che bel pane autunnale!! .. sono queste le delizie di stagione per cui adoro l'autunno!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch io adoro l autunno, un pó malinconico nelle sue giornate cupe, ma caldo e avvolgente cn i suoi colori e sapori

      Elimina
  8. Quanta verità dietro queste parole...il problema è che non sempre è così facile metterle in pratica!! Io ci sto provando...Un pane delizioso per un ritorno attesissimo!! Un bacio cara!

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, ti risponderò appena possibile!