31 ottobre 2013

La torta di Viola dell'asilo

Viola, ieri, è tornata a casa dall'asilo con una piccola torta fatta da lei.
Tenerissima mi ha chiesto se poteva fotografarla e metterla sul blog... ecco accontentata!


la foto di Viola













30 ottobre 2013

Straccetti di pasta lievitata all'olio di oliva e semi di papavero


Sono malata e non posso uscire di casa.
In questi giorni sto cercando di cucinare qualcosa da mangiare,  anche buono, nonostante il deserto in frigo.
Visto che ero rimasta senza pane, ma non avevo voglia di prepararlo, ho impastato questi straccetti di pasta lievitata, croccanti e gustosi, perfetti da accompagnare alla frittata di patate e timo che ho cucinato.
Da quando ho Viola, questa è la prima volta che mi fermo in mutua, e questa cosa non mi piace per niente, non riesco a gestirmi casa come vorrei, non sono riuscita a portare Viola in palestra, e quindi l'ha saltata, non riesco ad andare a fare la spesa. 
Forse solo tra donne ci capiamo veramente, e tutto un'organizzare perfettamente le esigenze di tutti, la casa e le tue, quindi riuscire ad essere veramente Wonder Woman.
Al mattino mi sveglio presto, mezzora prima del previsto, perché mentre faccio colazione dedico cerco di dedicarmi al mio piccolo blog, e poi via di corsa inizia la giornata frenetica: porta Viola all'asilo, vai a lavoro, torna , sistema casa, vai a prendere Viola...
Ma non solo, sempre, ogni istante che sono a casa  cercare di avere un ordine "basilare" ... quelle cose semplici, l'asciugamano ben piegato, le pentole impilate perfettamente, pavimento pulito.......da noi non si può, e siamo solo in tre.
Mi chiedo "quelle maghe" come fanno ad avere le case perfette, no polvere, no macchie sul pavimento,letto perfettamente sistemato, divano immacolato!!!
 no.... no.... no... no...

Ogni tanto penso di crearmi da sola l'ansia, e tutte queste cose da fare.
Forse dovrei sorvolare, chiudere la porta e dire CHISSENEFREGAAAAAA!!!!
 
Ieri ho letto questo post http://www.lenuovemamme.it/santarelli-supermum/ , Micaela dice bene:

La supermum ha i capelli arruffati, non ha neanche una mano libera ed ha intorno almeno un paio di bambini attaccati alle gambe e, nonostante tutto questo, è PERFETTA!

Bene, io sono ancora al gradino sotto, anzi sto salendo adesso le scale che Viola è cresciuta, mani piene di borse, capelli arruffati.... SEMPRE.....e la perfezione?! La lascio ad altri...
 



Impastate tutti gli ingredienti insieme, lasciate riposare un'ora, dopo di ché stendete la pasta con il mattarello, mi raccomando molto sottile, ricavatene dei pezzetti irregolari e cuoceteli in forno per 10 minuti a 180°.

Swiss Cheese Parade: polpette di polenta Morado nera con Gruyère

Lo street food mi affascina tantissimo, soprattutto perché in Italia non si riduce in un semplice burger da mangiare per strada.
Ho voluto preparare il mio Street Foos per il Swiss Cheese Parade con un'ingrediente particolare, la farina morado, ma utilizzata per una ricetta tipica piemontese: la polenta.
Con l'arrivo dell'autunno non si può non mangiare polenta, e quindi ho pensato a delle polpette fritte, ripiene di Gruyère comode da mangiare per strada, che ti scaldano il cuore accompagnate da un bel vino caldo.





 


Polenta pronta di morado
gruyère
olio per friggere


Preparate la polenta con acqua e sale, una volta cotta, colatela in un recipiente profondo e fatela intiepidire.
Con l'aiuto di un cucchiaio preparate delle polpette che farcirete con il Gruyère tagliato a cubetti.
Friggete in olio caldo e fatele cuocere fino a quando non saranno dorate.




La farina morado io la compero da  un' azienda agricola di Rivara Canavese 
https://www.facebook.com/azienda.monia?fref=ts


 




Con questa ricetta partecipo al contest "Swiss Cheese Parade" del blog "Peperoni e patate" in collaborazione con "I formaggi della Svizzera"

20 ottobre 2013

Zuppa di cavolo nero






Il cavolo nero è una varietà di cavolo priva della gemma centrale, quindi non ci sarà la classica "palla", passatemi la parole centrale, ma è caratterizzato da foglie lunghe, piene di nervature di colore verde scuro.
Quando lo comprate, guardate attentamente che le foglie siano intatte e di un bel colore verde, per pulirlo invece, dovete eliminare lo stelo centrale.
Viene usato soprattutto nella cucina toscana per preparare la tipica zuppa, oltre alla ricetta che vi propongo, potete stufarlo in pentole, preparare una frittata o usarlo per condire la pasta.






 

 per due persone

10 foglie di cavolo nero
150 g di fagioli cannellini in scatola bio
1 spiccio di aglio
1 fetta di pancetta spessa
olio
sale e pepe

a piacere
pane secco









17 ottobre 2013

Toccata e fuga ad Amsterdam

La scorsa settimana, con l'occasione del nuovo volo della Transavia, Torino/ Amsterdam, a prezzi veramente convenienti, abbiamo deciso di andare a visitare Amsterdam.
Una città bella, molto bella, molto caratteristica, vi consiglio vivamente di fare un giro in Haarlemmer str., negozi molto belli e anche nella zona qualche vintage shop.
Sinceramente, mi spiace che Amsterdam venga associata solo al red light district e ai coffe shop, c'è molto di più.
Adatta anche ad una famiglia con bambini: sapete che potete affittare le bici e fare il giro della campagna? Immaginatela piena di tulipani fioriti, colorata e profumata.
Bene, vi lascio a qualche scatto, ha piovuto molto e non sono riuscita a fare tutte le foto che volevo.

p.s. Notate il pane nelle cassette di legno, bellissimo, rende il banco del mercato molto caratteristico! .... da noi, per questioni igieniche, proibitissimo! uff















9 ottobre 2013

Se ci credi anche i sogni si possono avverare!!!




Bene, oggi è il mio compleanno.
Aspettavo questo giorno da tantissimo, stavo facendo il conto alla rovescia.
Come una bambina, lo aspettavo per la torta, i regali, ma non solo...

Mentre ve lo dico sto tremendo, è un'emozione enorme! Ho male allo stomaco....
 Ecco il regalo più bello:


 Dal blog dell'editore:

 
È arrivato il momento di annunciare la seconda uscita per Giramondo Gourmand, l'autunno inizia con "Pentole&Stagioni" il libro di ricette della foodblogger Laura Depalma (Pentole di Cristallo)! Abbiamo iniziato questa avventura prima che cominciasse la pausa estiva, tante le idee, le ricette che Laura ha elaborato e fotografato. Una sola condizione: seguire il passo delle stagioni. Ci siamo scambiate opinioni, idee su come impostare le pagine del libro, che darà vita alla collana "Food's Corner" con un formato particolare, quadrato (21 x 21) e alla fine eccoci qui, ormai agli sgoccioli. Ciò che abbiamo cercato di far emergere in questo libro è prima di tutto la grande passione che Laura ha per la cucina e tutti potete (se non l'avete ancora fatto) rendervene conto leggendo il suo blog Pentole di Cristallo. Poi abbiamo cercato di unire anche i ricordi, la sua memoria culinaria attraverso le ricette imparate seguendo la nonna o la mamma in cucina oppure quelle assaggiate nei suoi tanti viaggi. E poi ci sono le emozioni, quelle che Laura ha provato, senza dubbio, nel sperimentare a casa abbinamenti, gusti e sapori insieme a Viola, sua figlia, alla quale è dedicato il libro, proprio perchè un giorno si ricordi di quei momenti trascorsi con sua madre. Le ricette di Laura sono dettate dalla semplicità, una ricerca dell'autenticità in cucina, insomma, quelle ricette che tutti vorremmo mangiare una volta seduti a tavola per pranzo o per cena. Questo perchè Pentole&Stagioni prima si sfoglia, ma poi si mangia! L'uscita del libro è prevista per venerdì 15 novembre, stay tuned su www.giramondogourmand.it

7 ottobre 2013

Free Printable: Recipe card

Oggi, per iniziare bene la settimana, vi faccio un regalo!
Vi va?
Vi due diversi blog dove potete scaricare gratis delle belle card per le vostre ricette, così da ordinarle nel raccoglitore, oppure allegarle ad un bel regalo home made di Natale...
E' vero che mancano due mesi al grande evento, ma se volete preparare dei bei regali bisogna iniziare per tempo, almeno a chiarirsi le idee.
Un bacione e buona giornata






 


3 ottobre 2013

Autunno: torta di cioccolato, pere e cous cous




Vi piace il cous cous?
A me tantissimo.
Sempre cucinato "salato", solo una volta ho provato a cuocerlo nel latte, e poi freddo l'ho consito con uvetta, pinoli e zucchero, buonissimo.
Ma una torta si può fare?
Prima di avventurarmi in ricette strampalate, ho cercato su internet.
Ne ho trovate pochine, ma prevedevano sempre ricotta o formaggio fresco spalmabile.
Bene, dopo un po' di prove virtuali ecco la mia versione.



 


500 ml di latte scremato
200 g di cous cous precotto
3 uova
125 g di cioccolato fondente
100 g di zucchero di canna
2 pere

Cuocete il cous cous nel latte, scaldando il latte e portandolo ad ebollizione, spegnetelo e uniteli a pioggia il cous cous, lasciatelo riposare, sgranatelo e fatelo raffreddare.
Accendete il forno a 180° .
Una volta freddo, uniteli le uova, il cioccolato sciolto, lo zucchero e le pere tagliate a pezzzettina, mescolate e colate il tutto in una teglia da forno ben imburrata. 
Cuocete per 25 minuti.
Servite fredda con una leggera spolverata di zucchero a velo.
Una ricetta veloce per una merenda golosa.